E finalmente le ultime annotazioni

 

Non credo di dover ripetere che questo lavoro è senza dubbio piuttosto sommario, anche se i riferimenti individuati sono un buon numero e alcuni sono multipli nel senso che sono stati individuati passi in cui si parla di distinti elementi astronomici. Pur nell'ambito di un approccio che tende a essere rigorosamente scientifico ai temi della conoscenza, Dante è saldamente ed entusiasticamente uomo di fede e spesso si mostra intransigente verso atteggiamenti che potrebbero metterla in discussione. Di qui la sua condanna che può apparire ed essere spietata contro le eresie e particolarmente crudele contro i sommi esponenti dell'Islam, Maometto e Ali, anche se mostra di rendersi conto dell'alto valore di certe personalità quali il Saladino che non colloca tra i dannati ma al Limbo nel IV canto dell'Inferno. La condanna di Dante va, come dicevo verso l'inizio, anche agli astrologi, soprattutto in quanto l'astrologia è tra quei mezzi di divinazione che tenderebbero a escludere il libero arbitrio, fondamento per qualunque idea di meriti e colpe. Dante, come già detto, non crede per nulla, infatti, all'astrologia tout court anche se ammette gli influssi astrali che svolgono un ruolo per lui sempre positivo in quanto strumenti del Creatore. Del tutto normale, nel medioevo. Benché la sua poesia superi il tempo storico, Dante è infatti anche un uomo del suo tempo.

Il disprezzo perfettamente meritato e il fastidio degli uomini di scienza - che possono ovviamente anche non credere al libero arbitrio - e di tanti uomini comuni come me che lo considerano una palese assurdità nei confronti dell'astrologia e di tutte le altre pseudoscienze, spesso e fino ad oggi penosamente riverniciate e privilegiate perfino da un'informazione pubblica incivile che aiuta chi le pratica a rubare ai cittadini più indifesi molti miliardi di euro, molte migliaia di miliardi di vecchie lire, ha radici e motivazioni diverse. Comunque i veri poeti di tutte le età sono sempre i benvenuti. Gli affaristi della superstizione mai.

LFS