GLI  SPETTRI

Epigrammi

 

opus 28  (1994)

 

                                                                                              a zie e zii, cugine e  cugini  Giovannini & C.

                                                                           con i nuovi arrivi

                                             

 Siamo avvezzi  a cader nell'avello

e a risorgere poi sul più bello:

Che così il Comunismo rispunti,

con noi già mille volte defunti?

Non è cosa che dunque c'importi

se ogni tanto ci danno per morti.

                                                         

 

 

        CARNEVALE PERPETUO

                  

           E' lingua morta ed archeologia

         il Comunismo per Sua Signoria

         che il moderno e le mode da salotto

         scambia, confonde e ammucchia in un fagotto.

         E non semel in anno, Certe lire

         cantano: Semper licet insanire.

        

                  

         SOLO LA SINISTRA?

        

           Il PSI dice che lo si accusa a torto

         di tradir la sinistra: sì, ben detto!

         Chi sta con tutti e pensa al proprio orto

         e pianta tutti al primo capriccetto

         mostra che da un bel pezzo ormai s'è accorto

         che l'accusa è sbagliata per difetto.

        

 

 

 

 

 

 

         COSA DESIDERA LA BORGHESIA?

        

           Migliorino, di rosa rivestito,

         dice: " Cambiamo anche il nome al Partito.

         distruggendolo in piena autonomia

         senza alcun ordine di chicchessia!

         Ma il buon vassallo è chi l'ordine aspetta

         o chi l'anticipa e l'esegue in fretta?

         Non sprecan ordini i Signori veri

         con chi è pronto a obbedire ai desiderî

                                     

        

                            PIACE A TUTTI?

 

           Che col nome, in un qualche congresso

         il PCI voglia negare se stesso

         piace a tutti. Non c'è chi si lagni

         se si escludono ... solo i compagni.

        

 

 

        SPECULAZIONE

                  

           "Specchio,

         specchio delle mie brame,

         dimmi: chi è nel mondo il più salame?"

         - Tu tra tutti sei quello, o mio diletto,

         giacché ti imbambola perfino Occhetto.

                                                                  (novembre 1989)

 

 

        IMPOSSIBILE TRASFIGURAZIONE

 

           " Sono un brutto anatroccolo, lo ammetto,

         ma sarò cigno, vedrete l'effetto!"

         - Ti illudi, già nell'uovo era il difetto:

         Tu non sei l'Anatroccolo, ma Occhetto.

                                                                  (gennaio1990)

        

 

        

         AUTOCRITICA

        

           Compagni, siamo proprio morti tutti?

         Saremo un po' più vivi

         quando i governi e i quadri direttivi

         saranno tolti ai vecchi farabutti.

 

 

         LEGGENDA POSTOMERICA

 

           Del Pelìde era forse invulnerabile

         il tallone? Non lo racconta Omero.

         Il fatto è contestabile.

         Ma per Ochille Occhetto (Zero Zero)

         il fatto è proprio vero,

         cosicchè al garzoncello

         mai penetrò un pensiero nel cervello.

 

 

 

          EVOLUZIONE DI GAMBERO ROSA

 

           Quando il lungo cammino già percorso

         da quei garofani di via del Corso

         rifece il Burostaff del Pidiesse

         volle anch'esso un compenso che potesse

         al peso dell'impresa essere pari.

         Ebbe trenta denari.

 

 

        

 

        

         NOSTALGIE DELL'ANCIEN RÉGIME

        

           Imposte, tasse, tributi, gabelle

         coprono spese di voraci Corti

         mentre per scuole, sanità, trasporti

         ed altre bagattelle

         secondo il censo il cittadino versa

         in proporzione inversa.

 

 

         RESURREZIONE FORZATA?

 

           Vuole il governo che - come si dice -

         chi già per una vita ha lavorato

         non abbia la pensione dello Stato

         ma sgobbi e aspetti ancora, l'infelice.

        

           E noi, compagni, non saremo indenni,

         anche se morti fossimo davvero,

         per farci lavorare altri decenni

         ci trarrebbero via dal cimitero.

 

 

        

        SCELTA PRECISA

 

           "L'eccesso di critica, caro compagno,

         può farci buttar l'acqua sporca del bagno

         con dentro il bambino, smarrire la pista

         del nostro ideale social-comunista".

 

           Così le voci dure

         dei grandi capi alle Botteghe oscure

 

           Finché finalmente si accorgono un giorno

         che questo bambino non conta più un corno.

         Buttandolo quindi (che vada alla forca!)

         si tengono solo la loro acqua sporca.

                  

 

                                    

          STRUMENTI NECESSARI

 

            Per Rock & Liscio & motorini varî

          silenziatori regolamentari.

                                                                  (6-11 ottobre 1991)

 

        

 

 

 

         DIRITTO INTERNAZIONALE I

 

           Consegneranno i buoni Americani

         alla Libia chi spinse gli aereoplani

         che provvidero a quei bombardamenti

         che uccisero con vari altri "pezzenti"

         il figlio di Gheddafi "il criminale"?

           O l'assassinio è in un caso cotale

         norma giuridica internazionale?

                                                                  (10 maggio 1991)

 

 

 

        ANCHE I DETTAGLI, MA IN PROPORZIONE

                          (conversando tra compagni)

 

         Son giunti anche al P. C. di San Marino

         rubli da Mosca? No: da Moscerino.

 

 

 

                   LIBERO MERCATO DI SCHIAVI

 

           Merci, finanze, servizi, difesa...

         tutto dev'essere tolto allo Stato

         affinché il ricavato

          sia devoluto alla libera impresa.

 

                           

        PERMESSO DI SOSTEGNO

                                                       

           A chi ha fatto in Italia il gran macello

         può fare da puntello

         può fare da paletto

         il partito di Occhetto

         da quando dice che non ha più niente

         in contrario il potente Presidente,

         Il Presidente Bush, naturalmente!

        (O Clinton, o chiunque sia il seguente).

 

 

          LA VECCHIA NOVITA' 

         

           Governo a sette? proposta che avanza:

         diversa formula, stessa sostanza.

 

 

          SE NON CAMBIAMO TEMA...

        

           ... la situazione durerà in eterno:

         per entrare al governo c'è un sistema:

         accettare il sistema di governo.

         Se non cambiamo tema.

                                                        (9 aprile 1992)

 

 

         SE LE ACCETTI, APPLICALE

                   (meditazione stilistica)

        

         Essi mi parlano di eccezioni di cui non conoscono le regole.

                                                         (Robert Schumann)

 

        

           C'è chi usa versi sciolti e metri vari,

         scrive in prosa ma va a capo ogni tanto,

         senza ritmi scanditi nel suo canto

         da piedi regolari.

         Eviterà comunque, se ha talento,

         che la composizione

         sembri una brutta lapide o un sermone

         scarabocchiato sopra un monumento.

                 

           Ma chi usa versi rigorosi e rime

         sbaglia quando si esìme

         dalle regole con la scusa sciocca

         che le parole gli escono di bocca

         spontaneamente, come detta il cuore.

         Se l'asino ritiene un grande onore

         non conoscere fiori, perle e seta,

         l'ignoranza dell'arte di far versi

         non rende gli uomini mostri perversi.

         Però non fa il poeta.                 (30 aprile 1993)

        

                   PIOGGIA SUL BAGNATO  

                   (meditazione socioletteraria)

 

           Destino infame che sian tanto spesso

         destinati i successi letterarî

         a chi ha tanti denari,

         a certi signorini mercenari

         oppure ai letterati di successo.

 

 

                                                                  (1993)

        

        

 

                   DIRITTO INTERNAZIONALE II

                   (L'Italia ripudia la guerra...)

 

          Che guerra, quando mai fu dichiarata?

         c'è stata solo un'azione alleata

         per portare la pax americana

         in una zona non troppo lontana,

         per mantenere forti onesti e ricchi

         gli illuminati Signori Sceicchi

         e quelle tradizioni benedette

         che a tutte le pettegole donnette

         impongono contegni dignitosi:

         velo, non voto, servir padri e sposi...

           Quindi le stragi che i nostri "ragazzi"

         hanno condotto ai danni di quei "pazzi"

         verso Baghdad, laggiù in Mesopotamia?...

         GUERRA, ed inoltre UN ABISSO D'INFAMIA.                                  

                                                         (28 febbraio 1993)

 

 

                   VOTI TRE  PRENDI UNO            

                  

         Prima di questo bel diciotto aprile,

         così, giusto a vedervi,

         voi avevate ancora un mezzo aspetto

         di cittadini, poveri fratelli.

         Era soltanto un illusorio effetto.

         Il vostro voto vile

         rende chiaro che miseri zimbelli   

         voi siate. Vi sta bene essere servi.1

 

                           

 

                   LA GRANDE "NOVITA'"

 

     Che c'è di nuovo? l'incarico a Ciampi?   

   Speriamo che inciampi!

   Dei governanti squallidi  di ieri

   non son migliori quei loro banchieri.

                                                           (30 aprile 1993)

                  

                   TENTENNA I

        

             Ma va o non va al governo il Pidiesse?  

           Sì, decise il Signor Governatore,

           su due piedi, in due ore,

           senza che il Pidiesse  lo sapesse.

____________________

        

 1) 18 aprile 1993, ore 18, senza attendere l'esito del referendum liberticida voluto da quelli che pretendono, di essere più uguali degli altri.

 

 

        

 

 

                   FRA CANI & CANI

 

           Se Bettino2  è innocente  

         - dicon voci malevole -

         chi non ruba mai niente

         di sicuro è colpevole.

 

 

                   TENTENNA II

 

           Cos' hanno gli occhettisti?

         dopo il gran giuramento

         in un solo momento

         dal governo agognato,

         per il voto al Senato

         fuggono scuri e tristi?

          (E intanto Citaristi

         come Bettino è assolto:

         Il Paese è sconvolto,

         ma al governo che importa?

         pensa alla nuova torta).3

 

 

                   TENTENNA III

          (Ochille ci ripensa)

                  

         "Riflettendo

         perchè proprio  andar via?

         potremo stare, intendo, 

         qui sulla mezzeria".

                                               (1 maggio 1993)

 

 

____________________

 

  2) Naturalmente il verso si può adattare. Per nomi o cognomi con tre sillabe (Forlani ecc.) non c'é problema. Per altri basta qualche minima variante che l'autore è senz'altro disposto a permettere. Ad es: Se il buon Giulio (Carlo, Raul ecc.)  è innocente...  L'importante è che i versi siano formalmente impeccabili e non sbilenchi  per ignoranza  o sciatteria come  oggi accade perfino  nei lavori di verseg­giatori di grande nome.

  3) 30 aprile 1993, dopo la notizia che la Camera non ha concesso, nella seduta del 29, l'autorizzazione a procedere per corruzione ed altri gravi reati nei confronti dell'onorevole Bettino Craxi.


 

.        

 

                             TENTENNA ALLA ENNESIMA

 

         Le cinque in punto: Di Ochille il tempo è giunto.

         Le sei son già: Ochille se ne va.

         Le sei e trenta: Ochille ora ritenta. 

         Le ore sette: Ochille si autoammette.

         Le sette e un quarto: Ochille: "Io riparto!"

         Le sette e ventitre: Governo? Ma perché?

         Le otto meno venti: "Occorre ch'io ritenti!"

         Le otto meno dieci: Ahimé! che cosa feci?

         Le otto meno otto: Ochille fa fagotto. 

         Le otto e tre minuti: "Occorre ch'io rifiuti!"

         Le otto e ventinove: Ochille fa le prove.

         Le nove. "No al governo! Ma appoggio dall'esterno?"

         Le nove e appena un po': "Sì no - no sì - nì so".

         Le ... grazie! Basta e avanza. Che vada in quella stanza

         Ochille oppure no, nulla cambiare Ei può.

         Comunque andrà alla moda, facendo il reggicoda.

                                                                            (2-4 maggio 1993)

 

                  

                             PARANOIA

 

         Certi biechi tiranni

         contro cui muovono gli armamentarî

         dell'ONU (dioneguardi, umanitarî!)

         fanno più gravi danni,

         sono tanto peggiori

         di questi sperticati difensori

         della pace, del bene, del diritto

         di ammazzare chi è afflitto

         dalla tremenda malattia mentale

         della sua indipendenza nazionale?

                                                       

                  

 

 

 

 

                             ASPETTIAMO CHE CRESCANO?

 

         La lista di " fascismo e libertà"  

         si è presentata in un certo collegio.

         Ma che bel fregio!

         E la Giustizia nostra che farà?

         Non riterrà che sia con questa lista

         ricostruito un partito fascista?

 

 

                                     DA CHE PULPITO

                          

         Magistrati mafiosi ed assassini ?

         (Che anche loro mangino i bambini?)

         Ma lo afferma un capoccia della Lega,

         quindi, nel merito, chi se ne frega?

         Però gli insulti e la diffamazione

         sono reati in tutta la Nazione

         senza alcuna eccezione

         per quel gruppo politico

         che vuole riportarci al paleolitico.  

                                        (20 giugno 1993)

 

 

 

                             BETTINO & BETTINISTI

 

         " Dicevi, Lucius, che  i bimbi di Ochille

         li avrebbe sgranocchiati il Sor Bettino:

         Non lo volle il Destino:

         Craxi è fritto ed Ochille fa scintille".

         -Sì, ma nei fatti è proprio lui che ha vinto

         dal momento che ha spinto

         gli occhettini a far proprio tale e quale

         il suo stesso servizio al capitale.

                                                        (21 giugno 1993)

                  

 

 

 

 

 

                             DA UN BOIA AD UN ALTRO

 

         (in memoria di Leila Attar e delle altre  vittime, tutte civili,

         della rappresaglia USA del 27 giugno 1993 a Baghdad)

        

         Per il tentato attentato -  si è detto -

         contro il bigotto vecchio bombardiere

         il nuovo duce Clinton manda a effetto

         la vendetta del Cowboy giustiziere.

        

         Le responsabili di tanti mali

         sono certe famose intellettuali

         che con i complici più oscuri e vili

         sono già tra le vittime civili.

 

         Il bilancio non è così terribile:

         da chi di vite umane fa mercato

         il fatto era non solo prevedibile,

         ma grosso modo già ben calcolato

        

         avendo in mente, come ben si sa,

         i livelli di popolarità

         e le quote del dollaro che, dritto,

         sale di un tanto per ogni delitto.

                                                        (5 luglio 1993)

 

 

                    MOGADISCIO, LUGLIO 1993

 

           Morti tra i Somali per questa strana

         pace (la nota pax americana),

         tra gli Italiani armati fino ai denti,

         tra i pacifisti di altri contingenti.

         Ma non è guerra.

 

         Quindi il Governo Ciampi,

         e il Capo dello Stato (dionescampi!)

         a colpi di cannone

         non tradiscono la Costituzione.

         No, non è guerra.

        

         Carri armati, bombarde, mitragliere

         elicotteri armati

         e, con armi leggére,

         tanti forti soldati.

         Ma non è guerra.

 

         I cecchini non vogliono padroni,

         né cattivi né buoni,

         sparano a tutti senza distinzioni.

         Ma non è guerra.                    

                 

         La vera guerra, nel senso moderno,

         contro una pace giunta dall'esterno

         la fanno solo quei folli gradassi:

         donne e bambini somali coi sassi.

                                                        (8 luglio 1993)

 

        

          

 

             SERBIA & C., AGOSTO 1993

 

   Sembra assodato che in certi momenti

   l'ONU non possa avere altri espedienti

   per la difesa dei diritti umani:

   Serbocroati in Bosnia e Musulmani

   vivranno in pace felici e contenti

   sotto i bombardamenti americani.

                                (8 agosto 1993)

 

 

 

 

 

               SEGRETI PER CHI?

  

         Per i poteri costituzionali

         sì, sono proprio servizi segreti.

         Ma sono servitori assai discreti

         di fasci, mafia ed altri criminali.

                                                                           (agosto 1993)

                           

 

                                      Gli Spettri - IV

 

 

 

.                                             

                            IL GOVERNO ALLA MODA

                  

                     Amici dei corrotti, bettinisti,

                   rivali, per virtù, di Citaristi,

                   arraffoni ed ex "rivoluzionarî,"

                   gratificati in fruscianti denari,

                   il Cavalier Benito fatto santo,

                   ed il Cavolierino che fa il pianto

                   per quei ladri e corrotti rei confessi

                   e vorrebbe trattar tutti da fessi,

                   ritenendo che, attratti dai mondiali,

                   gli italiani non leggano i giornali:

                   Questo è il governo

                   tanto moderno?

 

 

                   DOPO IL DE CRETINO:  LEGGE  DEL CAVOLIERE

 

 

                                               I

                     Conviene rubar solo qualche pollo

                   o, sperando che Italia un dì si desti,

                   addirittura essere proprio onesti

                   rischiando il carcere o l'osso del collo?

                   o forse, come al gioco del Monòpoli

                   far soldi in puro stile Tangentòpoli?

                   In quest'ultimo caso, certamente

                   arriverebbe il Telepresidente

                   o la sua grossa portavoce-ancella

                   a portarci le chiavi della cella.

                   Con il Signor Pancella.

 

 

 

                                               II

                     Mafiosi, ladri, corrotti, intriganti,

                   con vitto e alloggio a spese dello Stato?

                   Ma il Capo ha decretato:

                   "Fuori dalle galere tutti quanti".

                  

                                               II

                  

                     Ma la costituzione?

                   "Un'invenzione dell'opposizione,

                   dei mangiabimbi di Rifondazione:

                   Chi l'ha mai vista alla televisione?"

                     Ma dunque il Parlamento?

                   "Che, se magna? Ma aspettino un momento:

                   quelli che fanno sempre bla bla bla

                   senza nessuna tecnicalità

                   io li zittisco tutti con un gesto,

                   quant'è vero che il mio governo è onesto".

                  

                                                        (17- 22 luglio 1994)

 

 

                  

                            ZOON POLITIKON

 

                   Niko Scortese, sedicente critico,

                   è un animale assai polipolitico,

                   tanto che ogni momento

                   cambia padrone come soffia il vento,

                   finché non trova il suo giusto mestiere:

                   servente del Serpente Cavoliere.

                   Gli piace inoltre l'insulto triviale

                   a chi più di lui vale.

                   Per questo insulta tutti.

                   Lasciamo dunque che faccia i suoi rutti

                   coltivando il suo vizio sciocco e vecchio

                   davanti ad uno specchio.

 

                                                        (27 settembre 1994

                                     

 

 

                            PER "IL MANIFESTO"

                            (12-3-1994)

                                      I

 

                     Buttiglione all'Inferno­?  Perché mai?

                   E chi volete poi che se lo pigli?

                   Gli onesti diavoli hanno già dei guai:

                   perché farli morire di sbadigli?

                           

        

                                      II

 

                   Buttiglione all'Inferno. Chi lo disse?

                   Con Farinata, con Achille e Ulisse?

                   Potrà andarsene al massimo soltanto

                   tra gli sciaurati che mai non fur vivi,

                   tra quelli che, di vizi e virtù privi,

                   cita il Divino nel suo terzo canto.

                  

 

                                      III

 

                     Che farà Buttiglione all'Inferno?

                   Vorrà illudersi ancora che il perno               

                   progre-moda-zionario è la bàlia

                   che dovrebbe allevare l'Italia?

 


 

                   Rime di Marzo 1994

 

        

         Del Cavoliere senza pacchia e dei cavoli suoi.

 

 

 

 

                                      I

 

Dice il Serpe selvaggio  che le tasse

dei ricchi  andranno ai minimi livelli

se al governo saranno  ancora quelli

che hanno sempre impinguato le sue casse.

 

                                      II

 

L'azienda "Forza Italia" è sana  in quanto

il patrimonio è  di mille miliardi

tutto compreso mentre (dio ne guardi!)

ha debiti per quattro volte tanto.

 

Forza, Italia, contro il vecchio Biscione,

che i fascisti e i codardi servi sciocchi

cerca di unire perché non gli  tocchi

delle sue "imprese" rendere ragione!

 

Il furbone invertito Robin Hood

che ruba ai poveri per dare ai ricchi

è meglio che si spari o che s'impicchi

se dell'Italia vuol fare un fast food!

 

 

                            III

 

Se il popolo italiano sarà sveglio

come un pollo, un somaro, un rospo o un un bue

andrà al governo, dopo il duro Azeglio,

un ferrovecchio avanzo di PIDUE.

 

Il popolo italiano, Cavaliere,

non vuol portarti in groppa, o senza macchia!

perché tu non diventi somariere

e resti Cavoliere senza pacchia.

 

 

 

 

                              IV

 

Come non dar fiducia a quel Ser Pente

che con tanta onorevole altra gente

è andato in barca, in treno, in volo,in taxi

con l'onestissimo Bettino Craxi?

Come infierire su questi monelli

del Venerabile Maestro Gelli?

In fondo sono tutti bravi cuccioli:

li affideremo dunque al Santo Mùccioli.

 

 

                              V

 

Chissà perché le buonenobildonne,

drappeggiando le gonne,

hanno deciso di fare gli inchini

al buon paggetto Fini e al Cavoliere?

Questo è il loro mestiere.

 

 

                              VI

 

Hanno arrestato sei bravi Fininvest,

per ora, i magistrati.

Altri a nord, come a sud, ad est e ad ovest

saran presto beccati. 

 

                              VII 

 

Perché il Serpe Selvaggio non va mai

come altri, alla RAI,

con tempi uguali agli altri e uguale cura?

Semplice: Ha paura.

 

 

 

 

 

                              VIII

 

Come potete essere tanto tardi,

fratelli che vivete nel duemila?

Pensate che quei tre o quattro miliardi

di affamati si metteranno in fila

per ricevere, poveri figliuoli,

la carità di un un piatto di fagioli?

Se fossi al loro posto,

amici miei, vi farei tutti arrosto.

 

 

                              IX

 

I magistrati già, secondo norma,

buttando in aria qualche suppellettile,

hanno arrestato gli amici del Rettile.

Ma intanto Nessun dorma:

potrebbe ridestarsi malamente

nella tana di un Cavolier Serpente.

 

 

                              X

 

                   Ssshuggerimento

 

"Perché votare? Chi mai vi ci manda?

Tutto ciò che vi serve o genti mie,

lo troverete senza far follìe

tra i miei serpi-canali e la mia Standa".

 

 

                            XI

 

Pèrseus o Persèus (come si dice?)

Con San Crescenzio ovvero Crescentino

l'ammazzaserpi patrono di Urbino

ed Ercole e San Giorgio e i loro vice

li prenderemo tutti per la maglia,

li guideremo tutti in direzione

dell'onorevole Cavalbiscione

dicendo: "Forza, taglia!"

 

 

                              XII

 

Pare che il Senatùr a mezzogiorno

al Dottor Cavaliere metta un corno.

Quando risuona il tocco

lo abbraccia come un bimbo il suo balocco.

 

Tuona il Carroccio

"Con i fascisti mai, nessun approccio!

Potremmo al massimo, concittadini,

allearci con Fini".

 

                           

                     XIII

 

Perché, Mariotto, non ti può giammai

dare spazio la RAI?

Perché, benché ti cerchi ogni momento,

e di te chieda con sincero intento,

non può seguire il vento

per saper dove stai.

 

                              XIV

 

Il Cròtalo sshhussurra: "Imposta uguale

per tutti - si capisce -  in percentuale.

Signor Creso: miliardi lordi cento?

diventano settanta. Un po' scontento?

 

Rossi, tu becchi un bel milione lordo:

Se non sarai balordo,

se non provocherai le nostre ire

vivrai con settecentomila lire.

 

 

                              XV

Diminuire le imposte dirette?

Perché lo Stato paghi certe rette

alle scuole condotte dai privati?

Siamo proprio suonati?

 

Diminuire le imposte dirette

perché le buone cliniche private

possan mandare a morire ammazzate

persone non protette?

 

Diminuire le imposte dirette

ma far pagare a tutti lire mille

ogni milleseicento, di benzina?

Come dire ad Achille

o a certe bambinette:

"Ora, con la manina,

solleverai un paio di quintali".

Le forze sono uguali?

 

 

 

         PRIVATO PROFITTO CON FONDI PUBBLICI

 

                            I

 

E'il  diritto a far scuole che il Privato

chiede? Chi glie lo nega?

ma se è privato perchè questa bega

di pretendere i soldi dello Stato?

 

 

                            II

 

Se vuoi confessionale la tua scuola

proprio come ti gira,

raccogli le tue forze, parti, vola!

Ma allo Stato non chiedere una lira.

 

 

                            III

 

Oltre al vecchio liceo classico, un sacco 

mi piacerebbe - e lo farò, per bacco! -

un bel liceo romantico.

Poiché comunque vale

quella riga della Costituzione,

io lo farò privato, non statale,

e i miei concittadini

non dovranno tassarsi, poverini,

per sostenere la mia bella azione.

E qui finisce il cantico.

 

 

Perleviter emendata in situ internet imprimatur fabula  anno MCMXCVI

 LFS