NOVE OTTAVE SUI REFERENDUM

(Consulenza linguistica di Lucia Fiabòn)

Luglio  1995

 

Acett l'invitt d'la vostra Diresion

cari compagn d'la festa d'l'Unità,

e, per en perda 'l temp, c'è 'na question

ch' me par grossa 'na mucchia: eccla maquà:

me sa ch' c'hann fatt pasè 'n po' da cojon

in t' i ultim temp: c' hann pres per bacalà

sa la facenda de 'sti referendum.

Chi sa come l'affare sit gerendum?

 

Io, per me 'l vria gestì in maniera spiccia

rispondend, sensa fe' tanta manfrina,

ma  cla gent languida e piccicaticcia

ch' ce vria mandè ogni giorne t'la cabina

sa 'n discors che per me 'n fa manch' 'na griccia

e mandai  a fe' 'n bagn t'la varechina.

Mo intant ve digg: io so' d' Rifondasion

e su 'stle robb ho fatt 'na riflesion.

 

Arivav da 'n sit-in, cum s' dic adess,

ma 'l Self Service, malé a Pian Sevér,

per difenda 'na linea de progress.

Enn  bravi, fini, gentili davér,

mo c'è di piatt che né d' rad né dispess

né pr amor, né per forsa o per piacer,

enn i fann propi, en c'enn manca t'la lista

e questi enn guai per un bon cumunista.

 

Perché en c'avevne datt, sa i macaron,

come second, ch'i tre-quattre burdei?

Enn el sann quei de cl'organizasion,

che 'n c'è 'n piatt che ma no' ce vagga mej?

che no' magnam i burdei a clasion,

specialment s' èn grassotti, tosti e bei,

a pranz, a cena, a merenda e da d' dgiùn?

Perché en c' n' hann datt da magnè manca un?

Alora (s' no maché ce stam le or!)

io vria sape': csa serv 'sta tarantella

d'eleggia i deputat e i senator,

i consiglier e compagnia bella,

faj fe' le legg ben fatte? Bel lavor,

se a 'n cert punt ma 'n qualunque Sor Panella

i salta in testa (s' fa per di', t' le spalle)

che tutt 'stle legg enn un gran sacc de balle!

 

Le cinq'centmila firme s'possne arcoja

sa 'n starnutt, mo dop c' vol un po' d' miliard

e anca se 'n c'avem nessuna voja

ce toccarà votè, sensa riguard,

tutti, sensa ecession? Ostia, che noia!

Mo la Costitusion? i vlem de' 'n sguard?

S'en vota piò d' metà d'i avent diritt

el referendum  è già bell e fritt.

 

Alora, in qualca situasion disprata,

qualch' volta, propi in cas ecessional

s' podrà  anca fè 'sta brutta sfachinata,

mo la  repubblica presidensial

e i referendum per ogni sciapata

ch' i vojen sol 'sti gran pess d'animal,

se 'n c' fam freghè, compagni e citadin,

se farann sol quant piscne le galin!

 

Io, quant me sent a ripeta 'sta gnornia,

da 'stle gent ch' c' vrien dè certi modell,

i daria 'na zampata t'na galornia

o 'n calc t'el cul, da la part del cervell

per fai passè del tutt 'sta brutta sbornia

d'acqua d' fogna ch'i rod ogni budell. 

Mo sicom so ch' m' ho da damm un contegn

i lasc rimbuschè tutti tel lor bregn.

 

El vot enn è na robba a l'acqua d' ros,

compagni, minca sarem tutti cotti!

Io so d' Rifondasion e so tignos,

mo anca se Cossutta e Bertinotti

vlessne  votè sa chi quattre ploios,

diria: "Compagni, ormai li avete rotti".

De stle facend ma me 'n m'ne frega gnent:

maché le legg l'ha da fe' 'l Parlament!