A  SACHAROV

ottave caudate di Lucia Fiabòn

Febbraio 1980

 

Ragassi mia,  gim un po' pianin:

 tutt 'ste cittadinans ma 'n  cittadin ?!

  

  E' ingiust che un gran scensiat, un dacsè colt

sia schiafat in esiglio e tartasàt

anca malè: contra 'stle robb m'arvolt,

anca s'fossa un sumarr o un disgrasiat.

Mo s' dic ch'el vojen fe' settmila volt

citadin italian, ch'i hann preparat

settmila piatt d'or de citadinansa:

s' ce fossa un fagiol pr' un, oddìo che pansa!

 

Se s' dà retta ma tanta gent per ben,

ma chiunque ha sofert qualch brutt dispett

'i rimpirann la bocca d' pergamen,

de chiacchier, cerimonie, minuett,

congress e conferens, balett e scen,

lauree ad honorem, gió, com i confett !

E da ogg, chi ha pers la libertà

s'en è già citadin el dventarà.

 

Va ben? Mo alora ma chi tocca tocca:

t'el mond c'è tenta gent ch' c'ha fam e set,

in Cile e in Argentina enn apre bocca

piò nisciun: gli hann tapata anca mai pret,

In Sudafrica ancora c'è la rocca,

la fortessa rassista, el rapascet.

Cittadini onorari, gente mia,

faremo anche gli oppressi dalla CIA?

 

E, ricordando i brutti tempi andati,

tra i cittadini, tra la nostra gente,

avremo artisti, tecnici, scienziati

oppressi e condannati ingiustamente

non per colpe, per crimini e reati

ma per le idee di una libera mente?

Su questo punto, benchè molto stitica,

la Chiesa stessa ha fatto un'autocritica.

 

Anca ma Galileo 'i hann dett dacsé:

"Enn è la Terra (piena de malann)

mo el Sol t'el mezz: c'avevi ragion te !

L'avem capitt dop trecentcinquant'ann:

c'è vlutt un po' de temp per ragionè.

Mo adess non sol t' levam tutt le condann,

ma sarai nominato, o gran Pisano

cittadino onorario in Vaticano".

 

Mo comunque, per fe' granata pari,

Allende Che Guevara, Ho Chi Min

s' podeven fè citadin onorarî.

En ve piacen? Mo set d'i birichin!

C'era anca Dubcek, no?, cari compari,

s' vlevat un ch' l'ha buscate dal Cremlin.

Ma lo pró en l'avet manca mess in lista:

bella forsa! è 'rmast sempre comunista!

 

Volemo un po' tirar la conclusion?

Cosa la xe, infin, la gran question?

Ognuno el gh'ha dirito a un'opinion

sensa censure né persecusion:

Detto questo (ed usando l'espresion

de la zente che gh'ha tanta istrusion),

vole' obligar una popolasion

(setemila comun, venti region)

a portar tuti dentro un calderon

tra i citadini, solo per cagion

che Qualcheduno i gh'ha roto i cojon?

No la xe questa la risolusion:

falsa union, division e confusion

speculasion, farsa da baracon.

 

Uffa, 'ste rime in "on"!

Ma vojo dir che, con tuto el rispeto,

se a ti te fan dei torti, povereto,

non perciò mi dovrò portarte a leto.

 

E quando, per dispeto

i veci preti han condanà Gesù

el s'è arabià perfino Belzebù

ma nol gh'ha acolto ne la sua tribù